Sul FertilityDay

Molto peggio del Family Day.
Se le donne fossero “mucche da latte”, come sembra considerarle il Piano Fertilità del Ministero della Salute, interverrebbe la protezione animali per sfruttamento intensivo. Del tipo: allevamento.
Ipocrisia massima: le donne sono state da secoli un “bene comune ” (vedi: obbligo procreativo). Quello che oggi fa problema è che cominciano a non volere esserlo più.

Condivido l’ottimo articolo di Giorgia Serughetti, riservandomi riflessioni meno emotivamente ‘pregiudizievoli’ dopo aver letto il sermone ministeriale alle ‘cattivissime’ donne che non fanno figli.
———-
“Le donne childfree in Italia sono circa il 20%, e secondo una ricerca dell’Università di Firenze, solo una piccola percentuale di ultraquarantenni che non hanno avuto figli avrebbe cambiato idea nel caso fossero state in atto migliori politiche pubbliche di sostegno alla maternità. Un terzo delle donne intervistate non è voluto invece diventare madre per via delle eccessive rinunce che un figlio comporterebbe, constatando che sono le donne a dover sopportare in toto il peso della cura dei figli, la cui presenza determina molto frequentemente un peggioramento del loro status e la perdita di diritti e posizioni all’interno della coppia, così come nella società.”

(Immagine tratta dalla campagna del FertilityDay)

Screen Shot 2016-08-31 at 10.09.33 PM

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...