”L’infamia originaria” (1977) ritorna…in digitale

Rossana Rossanda (Il Manifesto 6/11/1997):

“Quando uscì, L’infamia originaria mi arrivò come un corpo contundente.
(…) sentivo di essere guardata come una che, obnubilata nella propria donnita’, tradiva la comune condizione (…) Del resto quegli uomini che su altro mi ascoltavano, sul capitolo femminismo o si astengono o ne usano come strumento demolitorio di tutto quello per cui mi batto.
In questa incomoda situazione mi arrivava la voce vendicatrice di Lea. Ma mi attrasse più delle altre. La sua requisitoria non andava nel senso del “donna è bello”, che sentivo da tutte le parti (…) Lea Melandri non lo riproponeva proprio. Invitava a finirla con questa roba, se intendevo bene quel che chiamava Cuore. Non che non sapesse come tutte fossimo tirate dal di dentro in questa storia, del sogno d’amore era maestra; ne aveva una sorta di spietata pietà (…) Lea era fuori dallo stereotipo del l’emancipazione come da quello di una femminilità soddisfatta di sé, sia nella versione ‘donna è bello”, sia nella proiezione ambiziosa del mito della Madre e di una genealogia femminile, simmetrica al primato e alla genealogia del Padre. ”

Per scaricare l’ebook clicca qui

Per consultare tutti i libri disponibili in server donna – Bologna, clicca qui

screen-shot-2016-09-11-at-10-48-56-am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...