da ‘Come nasce il sogno d’amore’

“Se vuoi fare l’amore e sul tuo letto c’è una donna ammalata o un poeta, ti vergogni di averlo persino pensato.
Ma io ho gridato tanto che al risveglio mi è mancata la voce.
Per chi ha sostituito il pensiero alla vita ogni piccola scossa, anche notturna, può sembrare un terremoto.
E ciò che di giorno si teme, non si sa se è il pensiero perduto, o quel segno di vita.
Finché la vicinanza è solo sognata, non possiamo sapere se qualcuno ci è accanto e a quale distanza.”
(Da L.M., “Come nasce il sogno d’amore”, Rizzoli 1988, Bollati Boringhieri 2002)

screen-shot-2016-11-18-at-6-51-14-pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...