III puntata:“Il Collettivo di via Cherubini 8. Dall’autocoscienza alla pratica dell’inconscio”

‘Fin dai suoi inizi nel femminismo milanese si delineano due filoni principali: da un lato quello corrispondente ai gruppi che privilegiano la pratica dell’autocoscienza – racconto e riflessione sull’esperienza personale fatta in presenza di altre donne -, dall’altro quello che mette al centro analisi e interventi riguardanti la condizione sociale ed economica delle donne.

Nonostante queste differenti impostazioni, nel corso del ’71, i gruppi milanesi partecipano a incontri comuni, oltre alle riunioni che avvenivano nelle case. Uno di questi fu appunto il convegno che si tenne in giugno all’Umanitaria, a cui vennero anche donne di altre città. Non mancarono conflitti tra le donne del Demau, Rivolta Femminile, Anabasi, Cerchio Spezzato e i gruppi che sostenevano il salario al lavoro domestico, come Lotta Femminista.’

Articolo pubblicato il 15.IV.2016 su Comune-info.net, per leggerlo clicca qui

screen-shot-2016-11-18-at-6-56-01-pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...