‘Quel corpo che mi abita’

Rossana Rossanda, “Quel corpo che mi abita”, a cura di Lea Melandri, Bollati Boringhieri 2018

Sono felice di informare che uscirà a breve un libro che sognavo da anni, il dono di un’amicizia tra me e Rossana Rossanda che dura da tanti anni e che ha trova nella raccolta dei suoi articoli sulla rivista “Lapis” (1987-1997) pensieri di straordinaria intensità, coraggiosa narrazione e riflessione su di sè.
Il titolo della mia “postfazione” – “L’amicizia. Un tranquillo deposito di sè”- sono parole sue, ma che condivido profondamente e di cui le sono grata.

Screen Shot 2018-01-06 at 7.56.31 PM

Per Alessandra Bullegas

Per Alessandra Bullegas

(dal 2014)

In una breve riflessione, pubblicata nel libro “Come nasce il sogno d’amore”, scrivevo:
“Gli uomini hanno tracciato confini, e coi confini hanno diviso le donne. Ma se una madre offre un fiore a una figlia, chi può impedire che crescano ovunque gli stessi giardini?”.

Oggi è una ‘figlia’ che offre un fiore a una ‘madre’, un dono raro quale è una tesi di laurea dedicata, come si legge nell’Introduzione, “a una delle più grandi figure ancora viventi del panorama femminista italiano”.

Contenta di essere ancora tra i viventi, voglio ringraziarla pubblicamente per aver ripercorso con tanta cura e profondità gli andirivieni del mio pensiero, della mia scrittura e del mio lungo impegno nel movimento delle donne. Ad accomunarci è stato anche l’amore per la Sardegna –Alessandra Bullegas vive nel Sulcis- e il mio legame con l’isola di Carloforte, a cui è dedicato un capitolo della sua ricerca.

“Questo lavoro -scrive nelle pagine conclusive Alessandra- mi ha portato a dimostrare che il femminismo è tutt’altro che un movimento del passato, un’idea degli anni delle rivolte o addirittura un movimento silenzioso o morto, come spesso viene considerato. Al contrario, è una corrente di pensiero che esiste e resiste soprattutto in questi anni, gli anni delle false conquiste delle donne, gli anni della strumentalizzazione del corpo, della mercificazione della persona e del rifiuto di riconoscere una diversità che non dovrebbe quella dei diritti dei due generi ma delle peculiarità di entrambi.”

Alessandra Bullegas si è laureata da poco all’Università di Cagliari- Facoltà di Studi Umanistici- Corso di Laurea in Lingue e Comunicazione. A lei il mio ringraziamento e i miei affettuosissimi auguri.

Screen Shot 2017-11-25 at 4.39.43 PM 1

“UN AMICO E’ UN LUOGO DI TRANQUILLO DEPOSITO DI SÉ'”

(Rossana Rossanda)
La gratuità dell’amicizia – come dice Rossanda- sta nel dare senza togliere, nel lasciare che uno si ponga di fronte all’altro per quello che è, senza infingimenti, senza ricatti silenziosi o aspettative nascoste. Dove non c’è aggrappamento, indispensabilità reciproca, non c’è tentazione di fuga né ansia di possesso. L’amico si incontra senza risentimento per la lunga assenza, e dal silenzio che è calato in mezzo il discorso riprende come se non fosse mai stato interrotto. Difficile darne una definizione più precisa e suggestiva: “un tranquillo deposito di sé”.
Aggiungo: c’è da sperare che un giorno si possa dire lo stesso dell’amore.

screen-shot-2017-01-26-at-11-03-21-pm