Anche lo Stato ha un Piano…

Anche lo Stato ha un Piano…

Previsto, prevedibile, e soprattutto tempestivo, visto la ricorrenza del 25 novembre, cala dall’alto il secondo Piano nazionale contro la violenza maschile sulle donne.

Che un movimento o una Rete di donne, NUDM, di cui fa parte anche l’associazione nazionale dei Centri Antiviolenza -D.I R.E’ -sia venuta elaborando nel corso di un anno, dopo la grande manifestazione del 26 novembre scorso, attraverso tre convegni nazionali e un’infinità di assembee cittadine, un Piano collettivo articolato su tutti gli aspetti della violenza maschile -sessismo, razzismo, salute produttiva e riproduttiva, linguaggio dei media, scuola educazione di genere, precarietà femminilizzazione del lavoro, ecc.’, non si è tenuto alcun conto.

Il rapporto mancato tra movimenti e istituzioni resta una delle ragioni principali della crisi della democrazia, dell’estraneita’ e della sfiducia crescente nei confronti della rappresentanza e della politica in generale.

 

Per leggere il piano messo a punto da Non una di meno, clicca qui.

Screen Shot 2017-11-25 at 4.50.53 PM

”Madri snaturate?”

E’ fin troppo facile accanirsi contro la madre che uccide un figlio, finché si considera la donna spinta da un “naturale” istinto materno all’amorosa cura dell’essere che ha messo al mondo. Più difficile interrogarsi di quali cambiamenti, conflitti, sofferenze e sentimenti ambivalenti è fatta la maternità, vissuta spesso in solitudine anche nell’ambito famigliare.

Articolo pubblicato su Zeroviolenza il 10 dicembre 2014, per leggerlo clicca qui

screen-shot-2016-12-30-at-7-29-25-pm