“La verità, vi prego, sulla psicoanalisi”

“La verità, vi prego, sulla psicoanalisi” è un saggio di Vittorio Lingiardi pubblicato nel libro a cura di Nicole Janigro, “Della vocazione della psiche. Undici terapeuti si raccontano”, Einaudi 2015.
Psichiatra, psicoanalista e poeta, Lingiardi scrive:
“Pensare poeticamente mi sostiene e spesso mi governa. Ho iniziato a scrivere poesie intorno ai vent’anni. Mia madre si era ammalata e morì di li a poco. Poi ho capito che la poesia era un modo per dare una forma al dolore. Quindi per contenerlo, e anche conoscerlo. Con il tempo ho scoperto che ogni grande affetto ha una sua forma, e così ho iniziato a scrivere anche per l’amore e non solo per la morte.
La poesia, la costruzione del verso, è diventata il mio modo di osservare il mondo.”
Vittorio Lingiardi, “Alterazioni del ritmo”, Nottetempo 2015
“Non c’è più precisione in questo amore.
La confusione ha vinto ed al poeta
non è stato risparmiato il disonore.”
“La maggior parte del tempo
era passato
nel desiderio di sentirsi amato”
“Non so spiegarti come
ma il corpo mi ossessiona:
nella sua forma astratta
lo guardo e mi appassiona,
è come una bestiola
che piange e mi consola.”
“Vogliamo bene alle cose
per la loro pazienza di restare.
Vicino a noi, per anni
senza mai cambiare.”
“Soavemente lappone
poi duramente egea
non era il mimetismo
ma il viso del paesaggio
che ti faceva dea.”
Nota biografica:
Vittorio Lingiardi è psichiatra e psicoanalista. Insegna alla Sapienza,
Università di Roma. La sua precedente raccolta si intitola “La confusione è precisa in amore” (Nottetempo 2012)

Screen Shot 2017-03-24 at 4.53.19 AM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...